Endodonzia

L’endodonzia che svolgiamo a Taranto rappresenta un pilastro essenziale della nostra pratica odontoiatrica. Essa mira a preservare la salute e la vitalità dei tuoi denti nel lungo termine, in linea con la visione del nostro studio dentistico di promuovere un sorriso sano e duraturo per ogni paziente. Attraverso approcci avanzati e personalizzati, il trattamento endodontico si concentra sulla cura interna del dente, rimuovendo la polpa danneggiata e ripristinando la sua integrità strutturale con materiali specializzati. Utilizziamo tecniche all’avanguardia per garantire un intervento preciso ed efficace. Dopo il trattamento, il dente recupera pienamente la sua funzionalità e appare esteticamente impeccabile.

In cosa consiste la devitalizzazione dei denti a Taranto?

La devitalizzazione dei denti che eseguiamo a Taranto, nota anche come trattamento endodontico o endodonzia, è un intervento che si concentra sulla cura interna del dente, intervenendo sulla polpa dentale danneggiata o infiammata. La polpa dentale è la parte interna del dente che contiene tessuti vitali, tra cui cellule nervose, vasi sanguigni e tessuto connettivo.

Il procedimento della devitalizzazione può essere suddiviso in diverse fasi.

Anestesia

Prima di iniziare il trattamento, il dentista applica un’anestesia locale per garantire il comfort del paziente durante l’intervento.

Isolamento del dente

Il dentista utilizza materiali di isolamento, come un parapolvere in lattice o una diga di gomma, per mantenere il campo operatorio pulito e asciutto durante il trattamento.

Rimozione della polpa

Attraverso un’apertura praticata sulla corona del dente, il dentista rimuove la polpa dentale danneggiata o infiammata utilizzando strumenti specializzati, come limette endodontiche e irrigatori.

Igiene e disinfezione

Una volta rimossa la polpa dentale, il canale radicolare viene accuratamente pulito e disinfettato per rimuovere batteri, residui di tessuto e altre sostanze nocive che potrebbero causare infezioni.

Riempimento del canale radicolare

Dopo la igiene e la disinfezione, il dentista riempie il canale radicolare con materiali biocompatibili, come guttaperca o resina termoplastica, per sigillare il canale e prevenire la ricomparsa di infezioni.

Chiusura dell'apertura

Infine, l’apertura praticata sulla corona del dente viene sigillata con un otturatore permanente, come una corona dentale o un otturazione, per proteggere il dente e ripristinarne la funzionalità e l’estetica.

Quando è necessaria la devitalizzazione dei denti?

La devitalizzazione dei denti è necessaria quando la polpa dentale, la parte interna del dente che contiene tessuti vitali come nervi, vasi sanguigni e tessuto connettivo, risulta danneggiata, infiammata o infetta.

In generale, quando la polpa dentale è compromessa, è consigliato intervenire con la devitalizzazione per prevenire il dolore persistente, le infezioni dentali e il possibile danneggiamento del dente.

Quali sono i sintomi che potrebbero indicare la necessità di una devitalizzazione?

Alcuni sintomi che possono indicare la necessità di una devitalizzazione dei denti includono:

  • Dolore persistente o sensibilità al caldo o al freddo.
  • Dolore lancinante o pulsante che si intensifica durante la masticazione.
  • Gonfiore o sensibilità delle gengive intorno al dente interessato.
  • Cambiamenti nel colore del dente, come scolorimento o scurimento.
  • Presenza di un ascesso o gonfiore nella zona circostante il dente.

Se si sperimentano uno o più di questi sintomi, è importante consultare tempestivamente il dentista per una valutazione accurata. Un intervento tempestivo può prevenire il peggioramento della condizione e salvare il dente compromesso.

La polpa può degenerare per diversi motivi: un attacco carioso in profondità, una lesione traumatica, e anche una grave infezione parodontale tale da pregiudicare ogni tentativo di mantenimento della vitalità del dente.

La devitalizzazione di un dente si svolge direttamente in studio, in anestesia locale e dura una o massimo due sedute, in base alla complessità del caso.

Provvederemo a levigare i canali radicolari utilizzando in sequenza delle piccole lime e successivamente otturare i canali delle radici con materiale idoneo e in ultimo verrà eseguita l’otturazione della corona del dente.

Il restauro di un dente trattato endodonticamente è la corona dentaria, ma può essere ugualmente valido un intarsio; l’otturazione semplice in composito può essere tuttavia efficace ma il suo impiego nei denti devitalizzati è limitato ai casi in cui la struttura residua del dente assicura una buona resistenza.